Occhi e Postura: un equilibrio perfetto

Esiste una stretta correlazione tra vista e postura. Lo dimostra il fatto che un’alterazione della vista comporta una modifica della postura e viceversa: l’una e l’altra sono quindi due meccanismi all’interno di un unico sistema.  

occhialiL’occhio infatti rappresenta una fonte di informazioni fondamentale per i nostri movimenti e la nostra postura. Ogni alterazione visiva si ripercuote inevitabilmente su tutto il sistema muscolare e su quello articolare suscettibile di produrre disfunzioni e dolori.

L’equilibrio percettivo tra la parte centrale e periferica della retina guidano rispettivamente la visione centrale e periferica, garantendo la stabilità nel controllo dei movimenti nello spazio circostante.

Viceversa, anche svariate problematiche oculari possono essere originate da alterazioni posturali: è possibile che un trauma articolare ad un piede o in altro punto del corpo possa “risalire” lungo i muscoli e, una volta arrivato al tratto cervicale della colonna vertebrale, interessare anche i muscoli oculari. Tutto ciò è inevitabilmente causa di disagio, dolore, cattiva convergenza, e miopie, etc.

Quando si vengono a creare difficoltà di convergenza, la persona si stanca facilmente durante la lettura o il lavoro al computer. Se osserviamo invece un miope quando si sforza di mettere a fuoco un oggetto distante, noteremo che spesso protende il capo in avanti nel tentativo di ridurre la distanza fra l’occhio e l’oggetto. Il risultato finale di questo atteggiamento, nel tempo, potrà indurre squilibri dei tratti cervicale e lombare della colonna vertebrale.

PosturaPuò accadere anche che disordini posturali siano causati da disturbi oculari indotti dagli occhiali, come errori di centratura o altre problematiche che indicano la necessità di correggere le lenti. In altri casi, gli squilibri posturali sono prodotti da errata centratura o di taratura del grado delle lenti in uso, specie con lenti di tipo multifocale (progressive). In particolare si verificano frequentemente episodi di occhiali multifocali non correttamente tarati, che causano perdita dell’equilibrio e vertigini. Questo può essere causato non soltanto da un effettivo errore di chi ha registrato le lenti, ma anche da una mancata considerazione di eventuali problematiche muscolo-tensive presenti nel paziente.

È quindi fondamentale che il lavoro dell’optometrista e quello dell’osteopata siano strettamente collegati e si muovano all’unisono.

Taggato su: ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>